Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Dait un tic a di che puarte
7 di avrîl 2001

A è une vilote tipiche da la Cjargne: une biele melodîe insieme a li bielis peraulis amorôsis ch'a fasin viodi la semplicitât dai amôrs di une volte: la frute a stave simpri in atêse ch'al rivàs il siò murôs, e cuant ch'al ticàve a la puarte je a ere li, pronte a butai i bràs atôr dal cuèl.


Dait un tic a di che puarte

Dait un tic a di che puarte
ch'al si alzi chel saltel;
salti f
ûr la me morose
ch'j la cjapi a braçecuel.

E su su par che scjalute
e vie vie par chel puiûl;
E a vedê che bambinute
invuluçade in't'un linzûl.

 


Date un colpetto a quella porta

Date un colpetto a quella porta
che si alzi quel saliscendi;
esca fuori la mia amorosa
ch'io la prenda braccia al collo.

Su su lungo quella scaletta
e via via su quel poggiolo
Vado a spiare la mia amorosa
avvolta in un lenzuolo.

Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)