Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Il cjant de Filologjiche
(Bindo Chiurlo - Arturo Zardini)

15 di fevrâr 2001

Par scomenciâ, us mandi il lis peraulis dal cjant c'al è deventât un pôc l'inno dai Furlans e da la nostre marilenghe, insome, come che i podeis lei, a si cjante l'orgoglio di sei furlans!
Siguramentri i veis sintût chist cjant, in qualchi fieste, o cualchi ocasion di ritrovo particolâr, cun't'une tace di vin in man... di solit a ven four simpri ;-)


Il cjant de Filologjiche

Un salût 'e Furlanìe
da lis monz insìn al mâr:

dongje il mâr il sanc dai mârtars,
su lis monz il lôr altâr.

E la nestre ciare lenghe,
va des monz fin al Timâf:
Rome 'dîs la sô ljende
sul confin todésc e slâf...

Che tu crèssis, mari lenghe
sane fuarte se Dio 'ûl,
che tu slàrgis la tô tende
su la Ciargne e sul Friûl.

Che tu vàdis, mari lenghe,
serie e sclete intôr intôr.
Tu confuàrtis dut chest pòpul
salt, onest, lavoradôr.

 


Il canto della Filologica

Un saluto alla Furlanìa,
dai monti fino al mare.
Vicino al mare il sangue dei martiri,
sui monti il loro altare.

E la nostra cara lingua,
va dalle montagne al Timavo:
Roma racconta la sua storia
sul confine tedesco e su quello slavo.

Che tu ti espanda, o madre lingua,
pura e forte, se Dio lo vuole,
che tu stenda l'accampamento
sulla Carnia e sul Friuli.

Che tu vada, madre lingua,
seria e schietta tutt'intorno.
Tu sia viatico a questo popolo,
saldo, onesto, lavoratore.

 


Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)