Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Gjovanin colôr di rose
18 di avrîl 2001

A è une cansòn d'amôr cognossude in svariàdis parts dal Friûl. A fâs part dai "mottetti amorosi" tìpics da la tradisiòn popolâr furlane, che àn come tema li vecjis usàncis in fàt di cortegjament: par rivâ a une biele fantàte, a si veve di scomençâ une vôre "di lontàn", si veve di fâ une serie di pàs e di domandis, e spietâ li rispuestis, cuasi come ch'al fos un rito.
Il nostri Gjovanin color di rose, clamât cussì forse par il colôr clâr da la piel (ch'al fas pensâ che a nol fos un contadìn che invece a son ducju ben bronsâs, ma un siôr o plui probabilmentri un... sencenuiedifa), al prove a cortegjâ une biele fantàte, ma je a no j lasse nancje une sperance, prime ancjemò che al pôdi fâ la richieste al pari da la frute.


Gjovanin colôr di rose

Gjovanin colôr di rose,
Gjovanin colôr di rose,
Gjovanin colôr di rose,
'l è
passât par chi cumò;
Gjovanin colôr di rose,
'l è
passât par chi cumò.

Lui mi à dit: "Mandi, murose",
lui mi à dit: "Mandi, murose",
lui mi à dit: "Mandi, murose",
jo 'j ai dit: "Ma la fé no!".
Lui mi à dit: "Mandi, murose",
jo 'j ai dit: "Ma la fé no!".

 


Giovannino color di rosa

Giovannino color di rosa,
Giovannino color di rosa,
Giovannino color di rosa,
è passato adesso di qua;
Giovannino color di rosa,

è passato adesso di qua.

Lui mi ha detto: "Ciao, morosa",
lui mi ha detto: "Ciao, morosa",
lui mi ha detto: "Ciao, morosa",
io gli ho risposto: "Questo poi no!".
Lui mi ha detto: "Ciao, morosa",
io gli ho risposto: "Questo poi no!".


Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)