Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Jo soi stade a confesami
12 di avrîl 2001


Une fantàte a cjante lêgre par li sôs pròsimis gnocis, sugjeridis dal siò confesôr, e siguramentri tant bramàdis da la giovenute che a benedîs il siò plevàn e a no viôt l'ore ch'a j mêti la vere in tal dêt.

Al'è un cjant une vôre solâr, di chei ch'a mètin di bon umôr cuant ch'a vegnin intonâs da la compagnìe.

I tèn a disi che l'ultime strofe no l'ai cjatade sui libris, come dut il rest, ma j l'ai sintude cjantâ di Gjordano dal coro di Bertiûl.

 


Jo soi stade a confesami

Jo soi stade a confesami
dal gno solit confesôr;
lui mi à dit ch'j mi maridi.
Joih ce predi dal Signôr! La la...

Benedete che contrade,
la ch'al passe il siôr Plevàn;
benedete che zornade
ch'al mi met la vere in man! La la...

Ve voe di maridâsi
e no savê cun cui, cun cui;
cjaparìn il gjàt pe code,
fasarìn tui tui, tui tui. La la...


Sono stata a confessarmi

Sono stata a confessarmi
dal mio confessore abituale;
lui mi ha detto di sposarmi
Oh! Che prete del Signore!

Benedetta quella stada,
dove passa il signor Parroco;
benedetto quel giorno
in cui mi metterà la fede al dito!

Aver voglia di sposarsi
ma non sapere
con chi, con chi;
prenderemo il gatto per la coda,
faremo tui tui, tui tui.

 

Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)