Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Lait a cjase...
30 di giuin 2001

Une vilote di un nostri compaesàn, Ottavio Paroni, a cjacàre di un aspièt da la vite di une volte che cumò nàncje no rivìn a imagjinâ: al prìn scûr, cuant che il soreli al ere belgià jù, a sunave la cjampane da l'Ave Marìe e la sornade a finive, massime par li feminis. No restave altri che lâ a cjase e lâ a durmì dopo la prejere: a no érin televisions, a no érin discotechis e machinis par la atôr....


Lait a cjase...

Lait a cjase bambinutis
Lait a cjase ch'al è scûr
no son oris d'intardâsi
no son oris di sta fûr
.

No sintîso in lontanance
a sunâ l'ore di gnot?
A je l'ore di prejere
a jè l'ore di lâ sòt.


Andate a casa...

Andate a casa ragazzine
andate a casa che fa buio
non sono ore d'intrattenersi
non sono ore di star fuori.

Non sentite in lontananza
Suonare l'ora di notte?
E' l'ora della preghiera
è l'ora di andare a dormire.

Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis scliçâ ancje su la imagjine adàlt)