Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Olin bevi
16 di març 2001

Chiste vilote a è fra chês che plui a plasin a lis cantorîs: al'è un cjant al prodot plui famôs da la nostre tiare: il vin. No si podeve no fa un omagjo a la Fieste dal Vin di Bertiûl che a tache usgnot!
Che altri dos strofis a son mancul cognosudis, ma a son une vore bielis: soredut la siarade, li che il giovin al promet di sposâ la frute dome cuant che i fouc al brusarà l'aghe!


Olin bevi

Olin bevi, tornâ a bevi
di chel vin ch'al è tant bon;
al'è vin di Latisane,
vendemât su la stagjòn.

Se tu fos bambine sole,
a cjatâti orès vignî
'l è chel birbo di to pâri
che nol va mai a durmî.

Setu mate tu ninine,
a vignî daûr di me;
cuant che il fûc al bruse l'aghe,
ancje jo ti sposi te.

 


Vogliamo bere

Vogliamo bere, e ancora bere
quel vino così buono;
è vino di Latisana,
vendemmiato nella sua stagione.

Se tu fossi sola, o bambina,
vorrei venirti a trovare;
è quel birbone di tuo padre
che non va mai a dormire.

Sei pazza, o cara,
a darmi ascolto;
quando il fuoco brucerà l'acqua,
anch'io sposerò te.


Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)