Torne a la pagjine principâl da li vilotis

Sul puint di Braulins
7 di març 2001

La vilote che us mandi uè la cognoseis di sigûr. A è une di chês ch'a son restàdis plui imprèssis in ta la memorie dai furlans: no'l esist cantôr in Friûl ch'a no la vedi intonade une volte ta la so vite!
Storicamentri al'è un cjant ch'a si base su un motîf musicâl todesc, ch'al circolave in tal periodo di difusion dal tango.
A è ambientade in Val d'Arzino, parsore Pordenon, e Braulins a è une frassion di Trasaghis.

Parce l'ao scielte? Parceche che altre sere, tornant ju di Udin in machine cul Grant Moderatôr, cun grande sorprêse, la vin scoltade nuie di mancul che su Rai Radio
Due!!
A ere une version moderne sunade dai Arbe Garbe, une vore ritmade e lêgre.
W il furlan!!!


Sul puint di Braulins

Sul puint di Braulins
al'è passat un Asìn
cu la cossute
plene di luvins.

"Trop ju vendèiso,
trop ju vendèiso, paròn?"
"Une palanche,
plene la sedòn".

"E ce bevèiso,
e ce bevèiso, paròn?"
"O blanc o neri,
baste ch'al sedi bon!"

"E cuant tornaiso,
e cuant tornaiso par chi?"
"Doman di sere
prime dal'imbrunì."

 


Sul ponte di Braulins

Sul ponte di Braulins
è passato un uomo della Val d'Arzino
con la gerla
piena di lupini.

"A quanto li vendete,
a quanto li vendete, galantuomo?"
"Per dieci centesimi
un cucchiaio pieno"

"E cosa bevete,
e cosa bevete, galantuomo?"
"O bianco o nero,
basta che sia buono!"

"E quando ripassate,
e quando ripassate di qui?"
"Domani sera
prima dell'imbrunire".


Torne a la pagjine principâl da li vilotis (tu podis fracâ ancje su la imagjine adàlt)